logo del sito

W3C

Al giorno d'oggi è importante che un sito Web, sia compatibile con gli standard del Consorzio Internazionale W3C.

HTML

Tutte le pagine dei siti web sono scritte in HTML, linguaggio che viene letto ed elaborato dal browser, il quale genera la pagina che viene visualizzata sullo schermo del nostro computer.

CSS

Con il termine CSS (dall'inglese Cascading Style Sheets) vengono semplicemente definiti appunto i "fogli di stile a cascata", usati per separare all'interno delle pagine di un sito, i contenuti dalla formattazione, permettendo una programmazione più facile per gli autori delle pagine HTML.

I colori in un documento web

I colori possono esser definiti nei CSS attraverso diversi metodi: o usando le 16 parole classiche dei colori, (per es. black, red, yellow ecc.), ma così facendo se ne sceglie un numero limitato, oppure usando un codice esadecimale e infine indicando la percentuale di rosso, verde e blue che compongono il colore. Vediamo meglio:

i_colori

Generalmente però, i colori all'interno del codice Xhtml, sono indicati con numeri esadecimali, che più precisamente sono: 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, A, B, C, D, E, F, dove 0 Ŕ pari a 0 e F è pari a 15. Se li accopiamo, questo ci permette di avere una vasta combinazione di numeri. (#RRGGBB) Nella maggior parte dei programmi di grafica, il codice esadecimale è usato per identificare un colore ben specifico. Il numero esadecimale con valore più alto è FF che equivale al valore decimale 255. Per quanto riguarda il linguaggio Xhtml i colori sono indicati con un codice a 6 caratteri preceduto dal simbolo # che indica appunto un colore. Per es. il colore bianco, in codice esadecimale è indicato con: #FFFFFF.

Praticamente FF = 255 Rosso | FF = 255 Verde | FF = 255 Blu cioè in pratica 255 parti di rosso, 255 parti di verde e 255 parti di blu. Per es. il codice quà sotto rappresenta una tonalitÓ di rosso.

     #FF0000

Molti dei codici esadecimali sono rappresentati da valori duplicati, e quindi è possibile usare per essi una sintassi abbreviata, (per es. #RGB) in cui i valori per il rosso, il verde e il blue sono definiti solo dalla prima lettera o numero. Il colore dell'esempio precedente può essere definito anche così:

     #F00

Nell'uso di questa sintassi, se inseriamo coppie che non presentano valori duplicati, il risultato può essere leggermente diverso a livello di tonalitÓ a seconda dei casi. Un altro modo per rappresentare i colori è quello di usare per i tre elementi base del sistema RGB una lista di valori in percentuale separati da una virgola. Per indicare il nero useremo, ad esempio:

     rgb {0%, 0%, 0%}

La proprietà color, in un CSS oltre a definire una varietà enorme di colori, definisce anche il colore di sfondo di una pagina web (background-color), quello del testo in primo piano (foreground-color) e il colore del bordo di un elemento (border-color), di cui vediamo gli esempi in questa pagina.

Per gli altri due casi esistono proprietà ad hoc che esamineremo nelle prossime lezioni. Una buona norma dei CSS vuole comunque che per un elemento di cui si sia definito il colore di primo piano si definisca anche e sempre un colore di sfondo. La proprietà color si applica a tutti gli elementi ed è ereditata. Significa che se si imposta il colore per un elemento esso sarà ereditato da tutti gli elementi discendenti, a meno che non si definisca esplicitamente un altro colore. Vediamo diverse sintassi della proprietà color, in questa pagina.

^ Inizio pagina

Ricerca personalizzata


Lezione successiva successiva

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

Indice